ilgrandetsunami

maggio 22, 2015

“Non lavoro contro il premier ma su presidi, precari e private bisogna ascoltare chi protesta” (GOFFREDO DE MARCHIS)

Filed under: Uncategorized — Pier Luigi Zanata @ 7:58 am

Triskel182

SperanzaROMA – Roberto Speranza condivide il giudizio di Renzi e dei suoi fedelissimi: un chiarimento nel Pd ci vuole. Ma non sull’atteggiamento della sinistra interna che l’altro ieri non ha votato nemmeno la riforma della scuola dopo lo strappo sull’Italicum. «Dobbiamo parlare dell’identità e della cultura del Pd — dice l’ex capogruppo — È un partito che impone le riforme, come è successo con la buona scuola? Che sceglie la strada dello scontro senza la partecipazione e un contributo dal basso? Che tratta sempre chi critica e discute alla stregua di un gufo?».
La minoranza non ha votato la legge elettorale giustificando la scelta con il rilievo costituzionale della questione. Ma può muoversi in dissenso anche sui provvedimenti, come dire, ordinari del governo?
«Ordinario? Piero Calamandrei parlava della scuola come “organo costituzionale”.

View original post 532 altre parole

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: