ilgrandetsunami

settembre 17, 2015

Gli insegnamenti della grammatica ebraica

Filed under: Uncategorized — Pier Luigi Zanata @ 1:50 pm

Shavei Israel Italia

Di Rav Yitzhak Rapoport

magic open book of fantasy stories magic open book of fantasy stories

Vorrei presentarvi due frasi che vengono spesso usate nel Tanach, che danno inizio a diversi racconti e frammenti, e sono: ve-haià e va-iehì.

La frase va-iehì significa “e a quel tempo”. La Torah orale insegna, che questa formulazione serve ad iniziare un racconto, che avrà in sé un elemento cattivo per i protagonisti.

Invece la frase ve-haià significa “quando sarà” e dà inizio al racconto che comprende la benedizione per i protagonisti. La frase va-iehì inizia qualcosa di cattivo e la frase ve-haià inizia qualcosa di buona.

Perché è così e non al contrario?

View original post 433 altre parole

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: