ilgrandetsunami

settembre 17, 2015

L’isola che non c’era (Massimo Gramellini)

Filed under: Uncategorized — Pier Luigi Zanata @ 11:55 am

Triskel182

Gli innocenti non sapevano che la cosa era impossibile e per questo la fecero. Le parole di Bertrand Russell sarebbero la didascalia ideale del sogno di Naguib Sawiris, il miliardario egiziano che sta trattando con il governo Tsipras l’acquisto di due isole deserte da destinare ai profughi. Trattandosi di un’idea politicamente scorretta e geniale, è stata accolta con risatine di scherno dai professionisti del Non-si-può e dai burocrati di Bruxelles che considerano l’esodo in corso un mero problema di contabilità. I greci, a corto di denari, hanno invece preso l’offerta molto seriamente. Le due isole prenderebbero il nome da Aylan, il bimbo siriano fotografato senza più vita sulla spiaggia, restando sotto la sovranità di Atene. Sawiris si limiterebbe (si fa per dire) a investirvi cento milioni di dollari per trasformarle nella nuova patria di tante famiglie scampate alla mattanza mediorientale. 

View original post 110 altre parole

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: